LibreOffice Conference 2017 Roma – Io C’ero

- Io c'ero, Open Source

Iniziare con un video mi è sembrato il modo migliore visto il successo in termini di numeri (200 partecipanti da oltre 30 paesi).

Ho potuto partecipare due giorni su tre quindi vi lascio con il mio resoconto 😀

Location

@libocon in #Rome started! #libreoffice

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Indubbiamente la location è unica, il Campidoglio, in mezzo a busti di personaggi italiani illustri come Dante o Boccaccio e dipinti 3×3 di probabili nobili romani del 600-700 hanno permesso di rendere unico questo evento sia per la comunità LibreOffice ma anche per il mondo Open Source italiano.

Quando mai in Italia si è vista una conferenza internazionale open source così specifica, con un ampia partecipazione ed organizzata da una comunità in un posto del genere? Direi mai, anche per la questione internazionale non solo della location.

@industriaitasl c'è alla #libocon #libreoffice

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Il problema forse dovuto alle varie sale distanti fra loro creava dei problemi specialmente il fatto che una sala era un labirinto per arrivarci e non potevano essere messi dei cartelli ma visto il posto questa licenza è accettabile.

Tra un talk e l’altro era possibile fare un salto al Colosseo o al Pantheon cosa che diciamo non è di tutti i giorni per una conferenza informatica che di solito avviene in università.

Talk

L’evento ha avuto moltissimi talk da argomenti strettamente inerenti a LibreOffice ad altri più generici come le traduzioni o gestione della comunità.

Io ho sostituito Edoardo che non è potuto venire parlando del progetto https://mozillaitalia.gitbooks.io/l10n-guide/content/it/ di Sara, ovvero della guida di Mozilla Italia per le regole di traduzione come metodo per reclutare nuovi volontari.

Ho seguito pochi talk alla fine, da quello dedicato alla integrazione di KDE5 in LibreOffice a quelli dell’Open Source Observatory. Quello che mi è piaciuto di più è stato “Git for panicked contributors” dove ho preso appunti e che voglio riproporre a modo mio.

I won a gov.uk sticker because I recognized the JSON logo #libreoffice #libocon

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

I relatori sapevano fare la loro parte ma il primo giorno secondo me presentare le varie persone con i vari ruoli prende troppo tempo specialmente poi se i presenti sono tutti della comunità e li conoscono. Quella parte si potrebbe tagliare parlando più di LibreOffice e i traguardi dei vari team nello scorso anno in modo tale da aumentare le domande (si c’è stata una presentazione riguardo dati di diffusione ma fornire spunti non fa mai male).

Gli argomenti mi sono sembrati molto tecnici e dedicati agli sviluppatori presenti e non di ampio respiro (forse tranne venerdì con i vari interventi ma si tratta dell’unico giorno in cui non ho potuto partecipare).

Aziende

Collabora mission fit pretty well with Industria italiana del software libero #libreoffice

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Forte anche la presenza di aziende che sponsorizzando hanno permesso l’evento (anche con gadget). Questo permette anche di capire come si può fare business con tecnologie open source, nel mondo LibreOffice oltre al supporto e formazione c’è anche la possibilità di correzioni di bug specifici.

Values of Collabora are very interesting #libreoffice

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

I gadget erano molti diversi e anche cose veramente inusuali come

Chocolate with OpenSource logo is difficult not try them! #libreoffice #libocon

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

Persone

L’evento è stata un occasione per incontrare vecchi amici e parlare molto di KDE essendoci dei contributor.

La possibilità di incontrare persone che agiscono per portare l’open source in ambiti statali non solo Italiani è stato interessante per avere un altro punto di vista su quello che si può fare sul tema.

Le serate a mangiare insieme e parlare del più e del meno dimostrano di essere le migliori.

Social

La gestione dei social dell’evento non è stata facile con diversi hashtag e l’account twitter della conferenza che è morto da due edizioni. Insomma da quel punto di vista tracciare cosa succedeva non era facile ma dopo qualche minuto ed aver capito i vari hashtag ci si riusciva senza problemi.

Differenze con Mozilla

One of step to move public administration in Europe to Open source is to switch to @mozillagram @firefox #libreoffice #libocon

A post shared by Daniele Mte90 Scasciafratte (@mte90) on

L’evento mi ha fatto ripensare agli eventi internazionali di Mozilla e le sue differenze. Cominciando dal MozFest agli All Hands.

Il Mozilla Festival che sarà questa settimana di nuovo a Londra è dedicato alla alfabetizzazione digitale ed è una vetrina di quello che fa Mozilla sul tema con molte presentazioni non di programmazione e quindi molto più generico.

La presenza della comunità Mozilla in questo evento c’è ma dopo due edizioni la vedo molto di nicchia anche perché l’evento non è pensato per gli stessi volontari ma a persone al di fuori, non posso parlare dell’edizione 2017 perché non ci sarò.

All Hands invece è un evento pensato per i dipendenti Mozilla ed alcuni volontari selezionati per aggiornarsi tra tutti e lavorare insieme pianificando i prossimi mesi.

Con questa premessa possiamo dire che mi piacerebbe una Mozilla Conference per parlare ai volontari riguardo le novità e non soltanto roba di lavoro o promozione al di fuori ma pensare anche ai volontari stessi.

Certo, una differenza tra LibreOffice e Mozilla è evidente visto che la prima è una fondazione (The Document Foundation) e la seconda si occupa di moltissime cose e quindi occuparsi di tutto è più difficile.

All the stuff released in this website, where the author is Daniele Scasciafratte, is under the GPL 2.0 license except when the resources have their licenses.

Lascia un commento